I.D EIGHT sneakers sostenibili made in Italy

#MakeYourShoesGreener

Dong Seon Lee e Giuliana Borzillo hanno creato una linea di scarpe ecologiche con materiali provenienti da scarti dell’industria alimentare e da poliestere riciclati.

Come vi è venuta l'idea di riutilizzare gli scarti?

Crediamo fortemente nella moda cruelty-free, ovvero nei prodotti senza l’utilizzo di derivati animali quali pelle, seta, lana. In particolare, per il mondo calzatura si utilizza spesso la pelle, che ovviamente implica la sofferenza animale ed è nella stragrande maggioranza dei casi proveniente da allevamenti intensivi, che sappiamo essere una delle principali cause di emissioni di gas serra e quindi dei cambiamenti climatici. Però l’alternativa all’utilizzo della pelle, nel caso della calzatura, non può essere a nostro avviso il PU (ovvero materiali a base sintetica ottenuti dal petrolio)!

Perchè proprio ananas, vinaccia e mela?

Dobbiamo entrare nell’ottica dell’economia circolare, in cui “nulla si crea e nulla si distrugge“, e per questo motivo abbiamo fatto una lunga ricerca per individuare dei materiali che fossero ottenuti dalla lavorazione di scarti, quindi qualcosa di già esistente a cui dare nuova vita. Per le nostre sneakers sostenibili made in Italy abbiamo trovato tre aziende giovani ed innovative che producono simil-pelli a partire da scarti di mela, di uva e di ananas e ci è sembrato il connubio perfetto per dare vita ad una collezione che fosse sostenibile e cruelty free.

A livello di impatto ambientale, quanto è il risparmio di energia di un paio di sneakers sostenibili rispetto a una sneaker tradizionale?

Non abbiamo dati precisi, perchè difficilmente le aziende “tradizionali” mettono a disposizione dei consumatori i dati riguardanti i consumi e le emissioni dei loro prodotti. Possiamo parlare di quello che stiamo facendo noi per ridurre al massimo il nostro impatto ambientale: abbiamo scelto materiali prodotti in Italia (tutti tranne pelle-ananas che è prodotta in Spagna).
Le sneakers sostenibili I.D EIGHT sono prodotte al 100% in Italia (nelle Marche), il nostro magazzino è in Italia (a Firenze), questo per minimizzare il più possibile i trasporti durante l’intera filiera produttiva.
Per compensare le nostre emissioni facciamo tante iniziative: l’ultima è di questa estate, abbiamo piantato un albero per ciascun follower che ha raccolto dei rifiuti su una spiaggia per un totale di circa 50 alberi! Ma soprattutto ad ogni cliente regaliamo una bomba di semi, una pallina di terra e semi ricoperta di argilla da piantare o lanciare in un’area verde della propria città, da cui sbocceranno fiori che attirano le api!

Cosa vi sentite di aver imparato dal vostro percorso imprenditoriale?

Sicuramente un modo di fare azienda totalmente diverso rispetto alla moda “tradizionale”. Una cosa che ci ha molto colpito è che nel caso di aziende sostenibili c’è tantissimo spirito di squadra, collaborazione e aiuto reciproco, cosa che solitamente non esiste nelle aziende “tradizionali” (almeno per la nostra esperienza). C’è sicuramente anche un modo totalmente diverso di comunicare con il consumatore, molto limpido e trasparente, e una forte componente formativa: non basta comunicare il proprio impegno verso la sostenibilità, bisogna anche fare informazione/formazione al consumatore.

Tutti i modelli ID.EIGHT sono prodotti nelle Marche in Italia

Cosa vorreste consigliare a chi deve ancora trovare un proprio percorso?

Di partire sempre dalle proprie passioni, anche se la strada è più lunga o difficoltosa; perchè se si riesce a fare della propria passione un lavoro… Arriva la grinta per fare cose eccezionali!

“Un passo alla volta possiamo cambiare il mondo!

Giuliana Borzillo e Dong Seon Lee

sneakers-sostenibili-scarpe-moda
Giuliana e Dong, fondatori di I.D EIGHT

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *